Compendio on line sulla calcolosi urinaria
La calcolosi urinaria
MENU
Vai ai contenuti

Cosa è il calcio

Domande sulla calcolosi renale
Molti calcoli renali contengono calcio.

Quando il calcio viene consumato con alimenti ad alto contenuto di acido ossalico , questi nell’intestino si combina con il calcio per formare ossalati di calcio insolubili , che come tali, vengono eliminati nelle feci. Questa forma di ossalato non può essere assorbita nel corpo e viene eliminata quindi dall'intestino riducendo l'assorbimento dei "dannosi " ossalati.
Sulla base di questa affermazione la nota raccomandazione che la dieta povera di latticini previene i calcoli a base di calcio , non ha piu' sostegni scientifici.  Anzi prevale il concetto che il calcio può avere un ruolo  protettivo nella formazione dei calcoli di ossalato di calcio.
Si può dire che tutti i medici per molti anni hanno consigliato ai pazienti affetti da calcoli a base di calcio di evitare cibi come i formaggi o il latte, in modo da ridurre la concentrazione di calcio nelle urine. Se è vero però che un’elevata quantità di calcio nelle urine aumenta il rischio di formare calcoli a base di calcio, non è altrettanto vero che la concentrazione di calcio urinaria dipenda strettamente dalla quantità di calcio assunta con la dieta. Il metabolismo del calcio nel corpo umano è infatti estremamente complesso e solo in parte regolato dalla quantità assunta con gli alimenti.
Possiamo invece affermare con sicurezza che una dieta povera di calcio può essere pericolosa per l’organismo soprattutto nella fase dell’accrescimento osseo e nelle donne in menopausa (a rischio di osteporosi).
La dose giusta di calcio da assumere  è di circa 1 – 1,2  grammi al giorno. tale dose corrisponde alla quantità di calcio presente in 1 litro di latte intero e non parzialmente scremato.


Sito aderente al circuito
Fitoprostata. Marchio registrato alla Camera di Commercio di Roma
Diritti riservati 2018

Desideriamo informarti che, viste le importanti novità previste dal Regolamento dell’Unione Europea n. 679/2016, noto anche come “GDPR”, abbiamo aggiornato la nostra Informativa sul trattamento dei tuoi dati personali, disponibile qui, di cui ti raccomandiamo un’attenta lettura.
Torna ai contenuti